Le aziende agricole familiari sono preziose

Mi candido al Consiglio Nazionale perché la sopravvivenza dell’agricoltura svizzera mi preoccupa, e di conseguenza la qualità del cibo a disposizione della popolazione, quindi la salute a lungo termine degli svizzeri.

Sostengo l’agricoltura locale di collina e di montagna, i suoi formaggi e carni, i suoi vini e la sua frutta. Per un’agricoltura contadina diversificata, di prossimità, a filiera corta, a basso impatto ambientale.

Le aziende agricole familiari sono preziose: di un avvocato forse si ha bisogno un paio di volte nella vita, di un medico un paio di volte all’anno, ma di un contadino tutti hanno bisogno tre volte al giorno. Un’azienda agricola mista risponde ai bisogni alimentari degli abitanti di una regione (prossimità e tracciabilità). Biodiversità ed etica, cibi locali e di stagione, autoproduzione e riciclo, condivisione (share), portano alla sovranità alimentare e all’autodeterminazione di una città.

Non si tratta di rinunciare, di tornare al 1950, ma di riprendere il controllo dell’organizzazione del cibo, di accedere all’economia circolare. Il cibo torna ad avere un valore quando gli allevamenti sono biologici e proporzionali alla terra disponibile, se l’agricoltura è biologica (senza prodotti di sintesi, senza OGM) e ha il diritto di utilizzare le proprie sementi e di accedere all’acqua pulita, e quando gli stipendi permettono di vivere.

In Svizzera le superfici arabili sono insufficienti a sfamare la popolazione, per questo dobbiamo mantenere la nostra capacità di produrre alimenti e proteggere le terre agricole fertili dall’edilizia e dagli inquinanti.

La Svizzera importa un grande volume di prodotti. Il progresso non è poter comperare tutto, il rischio è non produrre più nulla da sé. Viviamo un sistema alimentare criminale. Le aziende contadine che coltivano il suolo sono relegate ai margini del sistema alimentare, per accentrare i ricavi tra i trasformatori, la logistica, i trasporti e la distribuzione globale.

Grazia Cavallini, candidata al Consiglio Nazionale lista 14 Donne