Una boccata d’aria…..intossicata!

Se per anni il primato é sempre spettato al Mendrisiotto, il Luganese non sembra voler lasciare la presa tanto facilmente. No, non stiamo parlando di primati da far invidia, ma della pessima qualità dell’aria del nostro cantone.

Da anni I Verdi del Ticino sostengono che sia necessario attuare delle misure serie, drastiche, che abbiano un orizzonte a lungo termine. Purtroppo i nostri appelli e quelli della popolazione sempre più preoccupata sono rimasti inascoltati.     
Cifre alla mano si constata che la qualità dell’aria sia peggiorata rispetto all’anno precedente sia nel Mendrisiotto che nel Luganese. Le concentrazioni
massime sono state superate per ben 24 giorni a Bioggio, 15 a Lugano, 11 a Vezia e 22 a Pregassona. Insomma come a dire che queste soglie non servono assolutamente a nulla, vengono superate regolarmente senza che si mettano in atto misure di contrasto. A nulla è valso invocare l’introduzione del manager del traffico, le targhe alterne, investimenti importanti del settore dei trasporti pubblici.

Nella speranza che piovi vi invitiamo a voler firmare il referendum sostenuto dei Verdi del Ticino contro la riforma fiscale che andrebbe a premiare indistintamente anche le ditte che non rispettano il nostro territorio, che alimentano il caos della mobilità e non pagano salari dignitosi per i cittadini residenti. L’aria che respiriamo passa anche dalle politiche economiche e fiscali che decidiamo di attuare!