Tiriamo diritto: le cose da fare

Le riflessioni di Sergio Savoia sulle cose (brutte) che succedono in campagna elettorale e sulle cose (belle) che noi Verdi vogliamo fare per poter vivere meglio in Ticino.

Foto: Claudia Manna

Foto: Claudia Manna

Per tre mesi saranno solo provocazioni e armi di distrazione di massa. Noi restiamo concentrati sulle cose che contano: la lista delle cose da fare per il Ticino e per i ticinesi conta di più che rispondere ad ogni singolo patetico attacco. Anche se è difficile assistere allo stillicidio di meschinità, menzogne, falsità e pochezze, rivolte a me e alle donne e uomini che sono sulla lista dei Verdi.

Lasciamo che i cani abbaino mentre la carovana dei Verdi passa e ci porta verso un futuro diverso e migliore. Teniamo gli occhi fissi alla fine del tunnel e ignoriamo i botoli ringhiosi da qualsiasi parte arrivino. Vogliono solo impedirci di fare ciò che va fatto. Ciò che noi, con le nostre donne e uomini, faremo comunque.

Anche se è difficile, bisogna ignorare i servi sciocchi e i picchiatori da sito web. Perché non siamo qui a cercare i complimenti o l'approvazione di questo o quello. Siamo qui per fare. Per fare le cose che sono nella lista "corta" del nostro programma, che pubblico qui sotto, così come ce la siamo segnata in innumerevoli ore di discussione. Stiano tranquilli i nostri avversari: dipingere le nostre candidate come scemette, dire le peggio cose di me o di Denti, farci passare per populisti o sognatori con la testa tra le nuvole (nell'arte dell'insulto si usa tutto e il suo contrario) non ci farà deviare un millimetro dalle cose che contano. Eccole qui sotto. Sono le cose che faremo dal governo:

  1. No al raddoppio del Gottardo! Sì al “Pacchetto anti-traffico" dei Verdi
  2. Stop alla distruzione del nostro territorio! Una moratoria di cinque anni nella costruzione di centri di logistica e GGT (grandi generatori di traffico)
  3. Proteggiamo il lavoro in Ticino: i Verdi sostengono contingenti, preferenza indigena e salari minimi; no alla tassazione à la carte per i frontalieri, padroncini
  4. Aiutiamo giovani e start-up: fideiussione e prestiti a zero interessi
  5. Proteggiamo i docenti: protezione giuridica gratuita per gli insegnanti
  6. Cassa malati pubblica intercantonale
  7. “Piano Marshall” per la piazza finanziaria (creazione di un pool a favore dei lavoratori del settore bancario)
  8. Proteggiamo i cittadini dalla criminalità: presidio dei valichi doganali e “Sussidio sicurezza” (Finanziamento di misure specifiche nelle aree ad alta incidenza di criminalità)
  9. Sì agli imprenditori onesti! Sussidi e sgravi solo ad aziende con salari sostenibili e un impiego maggioritario di residenti; incentivi a imprese che aiutano conciliazione famiglia-lavoro
  10. No all’aristocrazia di stato: tetto agli stipendi dei super manager pubblici e super funzionari
  11. Un paese a misura di bambino: asili nido, mense e doposcuola per tutti
     

Sergio Savoia
candidato al Consiglio di Stato