Samantha Bourgoin

Ritratto SB.png

Nata nel 1972 e cresciuta in Vallemaggia, ho studiato scienze politiche perché sono da sempre affascinata dall’interdisciplinarietà della nostra società. Tutto sembra accadere apparentemente in modo indipendente ma in effetti le diverse realtà si toccano, dipendono le une dalle altre, le determinano e ne sono determinate, così come le persone.

In seguito ho lavorato oltre 10 anni nella comunicazione per l’Editore Rezzonico, per il settimanale ilCaffè e la Tessiner Zeitung. Da 12 ho fondato a Locarno la mia azienda specializzata nel marketing, nella comunicazione e nella gestione di progetti a favore dell’economia pubblica e privata. In questo ambito ho diretto il Progetto di Parco nazionale del Locarnese. Sono stata direttrice operativa di JazzAscona e, con due amici, sono co-organizzatrice di Locarno on Ice.

La costante nelle realtà istituzionali, economiche e sociali che ho vissuto è la sensazione dominante di essere determinati da altri, di non poter decidere del proprio futuro, di accettare supini ma lamentandoci, costantemente e inesorabilmente di non essere giustamente rappresentati.

Nel frattempo con il caldo delle sempre più torride estati dove neppure nelle capanne alpine si trova refrigerio, è arrivata anche la consapevolezza che qualcosa ci è sfuggito di mano. Per non subire il nostro futuro da “climatizzati” dobbiamo quindi unire le nostre forze, coinvolgere popolazione e istituzioni in un ambizioso progetto trasversale, che coniughi la salvaguardia del clima e del nostro ambiente con un’imprenditorialità intelligente. La soluzione come sempre è complessa ma non la possiamo delegare ad altri, altrove. Il timer per la lotta al cambiamento climatico è scattato, non abbiamo più tempo per tergiversare, interveniamo subito.

Approfondimento: essere parte della soluzione.

Claudia Crivelli Barella

CCB.jpg

Sono la Claudia de La stanza di Claudia, la rubrica settimanale che da anni curo per Cooperazione su temi principalmente legati alla famiglia. Sono nata nel maggio ‘68, ma non ho un’indole ribelle, semmai saggia e fedele a valori profondi. Sono psicoterapeuta, vivo con mio marito, tre figlie e un cane a Mendrisio, dove per la terza legislatura sono in Consiglio comunale.

Dal 2010 sono nel comitato cantonale dei Verdi, dal 2011 granconsigliera. Nel mio lavoro vedo molto malessere legato agli stili di vita e ritengo che il pensiero verde sia terapeutico per l’individuo e l’intera società. Un tempo avevamo lo slogan voglia di vivere meglio che ben rappresentava la mia motivazione politica. Nel tempo libero mi piace leggere e camminare nella natura.

Marco Noi

marco noi.jpg

Originario della Mesolcina, sono nato (nel’68) e cresciuto a Bellinzona, dove vivo tuttora con mia moglie e mio figlio. Di formazione psicologo e psicoterapeuta, sono sempre stato interessato alla relazione tra individuo e gruppo e alla relazione che intratteniamo con l’ambiente. Negli studi universitari a Berna ho potuto infatti approfondire temi inerenti la psicologia ambientale ed ecologica.

Prima di avviare la mia attività privata quale psicoterapeuta in collaborazione con l’Istituto ricerche di gruppo di Lugano, ho lavorato 5 anni come animatore sociopastorale per la Parrocchia del S.Cuore di Bellinzona ed in seguito 8 anni come consulente per la Società svizzera sclerosi multipla.

Il mio interesse per una politica più attiva è nato quando mi sono confrontato privatamente con questioni edificatorie che mi hanno spinto ad approfondire leggi, regolamenti e applicazioni. Mi ci sono appassionato, al punto che la pianificazione è diventata un mio forte interesse assieme all’economia e alla socialità.

Poi, due anni fa, la coordinatrice dei Verdi di Bellinzona, incontrata per caso su un treno, mi chiese se fossi stato interessato a candidarmi per i Verdi. Un anno dopo, mi trovavo inaspettatamente su uno scranno del Consiglio comunale della Nuova Bellinzona!

Nicola Schoenenberger

schönenberger.jpg

Sono biologo e genetista delle piante, gestisco una piccola azienda di consulenza nel settore della cooperazione allo sviluppo internazionale con sede a Caslano, ma le mie attività professionali mi hanno portato a lavorare nei cinque continenti.

Mi occupo di ricerca, consulenza e divulgazione in botanica ed ecologia vegetale, sicurezza biologica, ecologia urbana e agro-ecologia. In passato sono stato ricercatore in botanica evolutiva presso l’università di Neuchâtel, responsabile di progetto per Pro Natura Ticino e per Capriasca Ambiente nella protezione della natura e nella conservazione delle risorse genetiche. Per otto anni sono stato conservatore per la botanica al Museo cantonale di storia naturale di Lugano.

Sono membro della Commissione federale per la sicurezza biologica, della Commissione federale per gli affari riguardanti la Convenzione sulla protezione delle specie (CITES) e dell’Accademia svizzera di scienze naturali come esperto di biodiversità. La mia passione per la natura mi ha portato anche in politica: dal 2014 sono consigliere comunale a Lugano, dal 2016 sono membro del coordinamento cantonale dei Verdi del Ticino.

Andrea Stephani

stephani.jpg

Originario del Mendrisiotto, ho studiato Storia contemporanea e Letteratura italiana all’Università di Friborgo, dove, nel 2004, ho conseguito un Master of Arts. Successivamente ho lavorato come ricercatore per il gruppo SSR SRG Idéesuisse a Berna e, una volta rientrato in Ticino, come giornalista presso il Corriere del Ticino.

Successivamente sono stato nominato Responsabile della comunicazione per Swissbasketball e ho ottenuto un attestato in management di organizzazioni sportive e no profit riconosciuto da Swiss Olympic. Più recentemente ho frequentato un corso di sceneggiatura presso la Webfactory della RSI, realizzando, assieme ad un team di autori, la serie per il web “La strategia dell’acqua”. Dall’ottobre del 2015 sono Segretario comunale di Brusino Arsizio e dal 2018 sono in possesso di un Diploma quale Quadro dirigente degli enti locali.

Già co-coordinatore dei Verdi del Mendrisiotto, l’interesse per i temi ambientali, per la salvaguardia del territorio e per lo sviluppo di un modello economico e sociale alternativo mi hanno permesso di essere eletto in Consiglio comunale prima a Morbio Inferiore e, dal 2013 ad oggi, a Mendrisio.