78. Marco Rudin

07.10.1961, Capriasca

Sono nato nel 1961 e vivo a Capriasca-Cagiallo. Ho tre figli: Alberto (1997), Francesca (1999), Anna (2002), e sono vedovo di Marialuisa.

Già consigliere comunale per i Verdi e PAC Capriasca dal 2008 al 2013, ho fatto parte della Commissione edilizia e opere pubbliche.

Sono stato membro del Comitato e della Direzione dei Verdi del Ticino, e tutt'ora attivo nel gruppo Salute dei Verdi Ticino, membro a vita dell' Agenda21 Locale Capriasca, membro fondatore dell’Osservatorio della gestione ecosostenibile dei rifiuti, okkio!, membro Rete info vaccini Svizzera, sezione Ticino, membro fondatore Società Cooperativa Solare della Svizzera italiana, membro del Comitato d'iniziativa per una legge sulla trasparenza dello Stato, membro del comitato ticinese per il "sì alla medicina complementare", membro del Coordinamento Antinucleare Ticinese.

Di professione Ing. el. ETH, lavoro come informatico per l'Amministrazione Cantonale.

I miei temi sono la salute (compreso l'inceneritore di Giubiasco), la medicina alternativa, l'autonomia energetica (eolico, fotovoltaico, biogas, wind-to-gas, power-to-liquid-fuel, no al fossile e al nucleare (no-Nuke: mentre nel 2011, prima di Fukushima, si stava progettando una centrale nucleare di Colico a 30 km da Bellinzona, ed una a Torino a 90 km da Lugano, nel 2015 si sentono già rivendicazioni che bisogna uscire dalla svolta energetica e riprendere il nucleare!), l'autonomia alimentare (bio, bio-demeter, non vogliamo cibo transgenico o Broccoli-Frankenstein-CSM, no-OGM), la difesa del servizio pubblico (Pro_Service_Public, zona fuori GATS e stop TiSA), rifiuti zero (zero waste).

Dopo il cancro di mia moglie, ho scoperto che esistono delle cure sviluppate da pionieri che però non sono mai state verificate ufficialmente. Ho cercato di capire perché: non sono affidabili? Sono pericolose? No, il motivo è semplice: non sono redditizie e addirittura mettono in serio pericolo il monopolio farmaceutico; e la scusa per non essere ufficiali è che non sono mai state pubblicate nelle riviste ufficiali per poter essere verificate clinicamente. Un serpente che si morde la coda.

Allora ho deciso di fare politica per cambiare questo stato di cose e mi sono presto accorto che la redditività detta legge anche nell'alimentazione sana, nell'energia, nell'economia degli stati. È giusto che l'industria debba rendere, ma non è assolutamente giusto che il contribuente paghi per non ricevere un servizio che gli viene promesso, solo perché questo servizio mette in pericolo i guadagni di pochi politici lobbisti e di pochi capitani dell'industria disonesti. La ricerca medica deve cambiare e diventare finalmente indipendente, etica, trasparente e scientifica nel senso corretto del termine. Questo lo facciamo con leggi nuove che vietano conflitti di interesse nei finanziamenti della ricerca medica, garantiscono trasparenza e indipendenza di istituti di ricerca, consulenti scientifici, istituzioni sanitarie nazionali e internazionali (luce sulle “public-private-partnership” dell'OMS e sui finanziamenti privati, diretti o indiretti, degli enti di controllo). L'indipendenza della medicina è un principio etico fondamentale. Vedi la mia presa di posizione e quella della Rete Info Vaccini Svizzera nell'ambito della consultazione sulle 3 ordinanze LEp del 2014. 

In questo ambito collaboro con il Gruppo Salute Verdi Ticino dal 2009 e continuerò indipendentemente se sarò eletto o no.

Piu Granconsiglieri Verdi saranno eletti, prima risolveremo questi gravi problemi.

Volere è potere, ma il Potere non vuole. Dicono che non si può.

Si che si può!

 

I miei siti:

http://marcorudin.wikispaces.com/medicina

www.facebook.com/marcorudin1961

www.verditicino.ch/candidati-al-gran-consiglio/2015/3/17/78-marco-rudin

www.marcorudin.ch

www.smartvote.ch/15_ti_leg/portrait/candidate/index/16400000229

(www.smartvote.ch Elezioni al Gran Consiglio ticinese del 19.04.2015)

Tel. +41 79 489 46 32